Correre: benefici, controindicazioni e come iniziare

correre benefici, correre cintroindicazioni, correre tabelleLa corsa è un’attività fisica semplice, ma allo stesso tempo molto impegnativa che si può praticare ovunque e in qualsiasi condizione atmosferica. Essa permette di bruciare molte calorie e quindi di mantenersi in forma e, soprattutto, fa bene alla salute. La corsa fa dimagrire, migliora la funzionalità del cuore, abbassa la pressione arteriosa ed ha un’azione positiva sul colesterolo, aumentando quello buono, l’HDL, che ha il compito di ripulire la arterie dal colesterolo cattivo, LDL, che andrebbe a depositarsi sulle pareti delle arterie, ostruendole. Correre ci aiuta anche a superare lo stress favorendo il buonumore.

Nonostante la corsa sia un movimento del tutto naturale, non significa che sia adatta a tutti. Prima di iniziare a correre è bene sottoporsi ad una visita medica. Durante la corsa la frequenza cardiaca può raggiungere livelli triplicati rispetto ai valori a riposo, quindi è doveroso accertarsi che non vi siano disfunzioni a livello del cuore prima di iniziare tale attività sportiva.

Altri due fattori molto importanti da considerare sono il proprio stato di salute in generale e la propria massa corporea.

La corsa è uno sport che può portare dei traumi a tendini, muscoli ed articolazioni, quindi una persona in sovrappeso avrà più probabilità di infortunarsi. Se sono già presenti dolori articolari agli arti inferiori o mal di schiena è sconsigliabile iniziar a correre, o almeno chiedere prima un consiglio al medico.

Se si è in sovrappeso è meglio perdere qualche chilo adottando un’alimentazione equilibrata e svolgendo dell’attività fisica alternativa meno traumatica, come una semplice camminata a passo sostenuto di almeno 45 minuti al giorno o altri sport come la bicicletta, il nuoto, ecc

Come iniziare a correre

Chi inizia a correre lo deve fare in modo graduale per permettere al proprio corpo di adattarsi alle nuove sollecitazioni senza incorrere in traumi o infortuni.

Soprattutto all’inizio non bisogna strafare, puntando sulla velocità e sulla distanza percorsa, ma è bene allenarsi sulla resistenza in termini di tempo.

Fondamentale è l’idratazione, soprattutto durante l’allenamento, in quanto la perdita di liquidi è notevole. Il giorno seguente la corsa avere dolore al polpaccio è molto comune, poiché il muscolo deve adattarsi allo sforzo. Durante la corsa, soprattutto nei principianti, è frequente il dolore alla milza (fianco sinistro). Sia i principianti che gli atleti più allenati possono avvertire dei dolori al fianco destro, chiamati comunemente mal di fegato, anche se non significa che sia proprio il fegato l’organo coinvolto. Il dolore al fianco destro può insorgere per diversi motivi: per cause muscolari (che si verificano specialmente nei principianti), in seguito all’assunzione di carboidrati subito prima della corsa, per l’utilizzo errato di integratori, per l’impiego di farmaci o per problemi gastrici.

Chi comincia a correre deve farlo seguendo una tabella, allenandosi da tre a sei giorni alla settimana, mezz’ora per volta, suddividendo ogni seduta in due minuti di camminata alternati ad un minuto di corsa. Man mano che aumenta la resistenza, dopo una o due settimane, si aumenteranno i tempi della corsa fino a 4-5 minuti, alternati a camminate di 3 minuti, per un totale di 45 minuti a seduta.

Da qui in poi, aumentando la propria resistenza fisica, si potranno allungare ulteriormente i tempi della corsa in modo graduale ed iniziare così a porsi degli obiettivi.

Abbigliamento e scarpe da corsa

L’abbigliamento per andare a correre deve garantire la traspirazione e una certa libertà nei movimenti. L’importante è non allenarsi se il freddo è eccessivo e comunque vestirsi in modo adeguato alla stagione evitando di patire troppo caldo, condizione che ne pregiudicherebbe la prestazione.

Fondamentale è la scelta delle scarpe da corsa; è opportuno acquistare esclusivamente quelle adatte a questo tipo di disciplina e non semplici scarpe da ginnastica. Le scarpe da running hanno delle caratteristiche tecniche che permettono di ammortizzare l’impatto sul terreno, rendendo la corsa più confortevole e meno traumatica.