Mangostano

proprietà e controindicazioni

mangostano, garcinia mangostana, mangostano proprietà, mangistano fruttoIl mangostano, Garcinia mangostana, è un arbusto sempreverde originario del sud-est asiatico, appartenente alla famiglia delle Clusiaceae e che può raggiungere i 25 metri d’altezza.

Il frutto di questa pianta, denominato appunto mangostano, ha dimensioni simili a quelle di un mandarino ed è caratterizzato da una buccia viola, una polpa bianca ed un seme nella parte centrale.

La polpa del mangostano è suddivisa in spicchi succosi di un sapore gradevole e delicato.

Proprietà del mangostano

Molti sono i componenti benefici presenti nel mangostano: vitamine (in particolare la vitamina C ed alcune vitamina del gruppo B), minerali (potassio, fosforo, calcio, magnesio e ferro), fibre, catechine e polifenoli.

Tra i polifenoli presenti soprattutto nella buccia di questo frutto troviamo gli xantoni, sostanze dalle elevatissime attività antiossidanti. Gli xantoni presenti in natura sono circa 200 tipi ed il mangostano ne contiene ben 43.

Grazie alla presenza di queste e di altre sostanze (tra le quali vi sono altri polifenoli come le proantocianidine, aventi attività antiossidanti fino a 20 volte superiori a quelle della vitamina C), il mangostano rientra nella lista dei cosiddetti  “super antiossidanti”, di cui fanno parte gli alimenti con elevate capacità di contrastare la formazione dei radicali liberi.

Per questa caratteristica, gli estratti di mangostano sono sempre più utilizzati in cosmesi nella formulazione di preparati anti età in quanto prevengono la formazione delle rughe e favoriscono una maggior idratazione e tonicità della pelle.

Agli xantoni sono attribuite anche proprietà antinfiammatorie. Il mangostano può essere utile in caso di eruzioni cutanee di varia natura (acne, dermatiti, psoriasi), per alleviare dolori articolari e altri disturbi causati da processi infiammatori.

Gli antiossidanti presenti nel mangostano svolgono altresì un’importante azione preventiva nei confronti dei tumori, contrastando anche la proliferazione di cellule cancerose, e di altre malattie neurodegenerative come l’Alzheimer ed il Parkinson.

Tra gli altri composti fitochimici presenti nel mangostano troviamo elevate quantità di catechine, sostanze alle quali sono riconosciute attività immunostimolanti, utili in caso di febbre, e in grado di ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Potrebbe anche interessare: "alimenti anticancro e composti fitochimici"

Mangostano: dove si trova

Il mangostano è difficilmente reperibile in Italia come prodotto fresco, ma lo si trova per lo più in erboristeria o sul mercato online sotto forma di succo, preparato per tè, integratore (compresse o capsule) o come ingrediente di prodotti cosmetici.

Mangostano: controindicazioni ed effetti collaterali

Il consumo di mangostano non sembra avere effetti collaterali, tuttavia è opportuno consultare il proprio medico in caso di gravidanza, allattamento o di terapia con farmaci anticoagulanti, in quanto gli xantoni potrebbero interagire con l’azione di tali farmaci. Si consiglia comunque di non eccedere con le dosi consigliate o indicate in etichetta.