Ginseng

Il Ginseng (Ginseng Panax) è una pianta perenne caratterizzata da grosse radici carnose e una parte aerea piuttosto ridotta.

La sua fama è dovuta alla presenza dei ginsenosidi, delle saponine triterpeniche contenute proprio nelle radici, che sono il principio attivo di questa pianta.

Proprietà e utilizzi del gingeng:

per beneficiare delle proprietà del ginseng è necessario assumere quotidianamente questa sostanza nelle dosi corrette per un periodo indicativamente non superiore ai due mesi. Esso ha principalmente proprietà energetiche e stimolanti nei confronti dell’organismo.

Il ginseng è definito un adattogeno, ciò significa che è in grado di adattare l’organismo allo stress fisico e mentale stimolando sia le funzioni vitali del corpo umano, sia il sistema nervoso centrale, rafforzando inoltre il sistema immunitario.

Tra proprietà del ginseng ricordiamo:

tonico ed energetico con proprietà stimolanti sia fisiche che mentali, è in grado di ridurre la stanchezza, migliorare i riflessi e potenziare la capacità di concentrazione e di apprendimento mentale;

regolazione degli impulsi del sistema nervoso centrale portandolo ad uno stato di tranquillità se troppo eccitato oppure stimolandolo in caso di depressione;

proprietà afrodisiache specialmente nell’uomo, grazie alla presunta capacità di rilascio di ossido nitrico nelle cellule endoteliali dei corpi cavernosi del pene con una conseguente erezione più duratura (molti lo definiscono un “viagra naturale”);

diverse ricerche attribuiscono alla radice di questa pianta lievi proprietà ipoglicemizzanti (in caso di diabete mellito) e curative nei confronti di problemi gastrici e in caso di ipotensione; gli sono attribuite anche proprietà antiossidanti, antitumorali, antiinfiammatorie, antipiretiche e ipocolesterolemizzanti. 

ginsengDosaggio:

la sensibilità al principio attivo del ginseng è soggettiva, quindi il dosaggio sarà ponderato in base alla risposta del proprio organismo, che comunque è stimato intorno ai 200 mg di estratto di ginseng fino ai 2 grammi di porzione di radice essiccata al giorno per un periodo non superiore ai due mesi. Nonostante non provochi effetti collaterali importanti in dosaggi normali, è comunque consigliabile consultarsi con il proprio medico prima di iniziare l’assunzione di ginseng.

In commercio il ginseng è venduto in varie forme: come integratore (compresse o liquido), radice secca o estratto molle, oppure assieme al cioccolato; è molto diffuso anche il caffè al ginseng.

Controindicazioni ed effetti collaterali del ginseng:

il consumo di ginseng è controindicato in gravidanza ed allattamento e nei casi di: insonnia, emorragie, ipertensione, tachicardia, ulcera duodenale, mal di testa. Può interagire con i farmaci anticoagulanti, con gli ipoglicemizzanti orali o l’insulina e con i psicofarmaci.

Tra gli effetti indesiderati più frequenti che possono insorgere principalmente a causa del consumo in sovradosaggio di ginseng ci sono: insonnia, mal di testa, nausea, diarrea, emorragie nasali, dolore al seno, orticaria, ipertensione o ipotensione. Possono verificarsi anche casi di allergia.

Potrebbero interessare anche: "Guaranà", "Caffeina, effetti e dosaggio"