barbabietole rosse (o rape rosse), doping naturale, proprietà succo di barbabietole rosse, informazioni nutrizionali, benefici e le controindicazioni

Barbabietola rossa: proprietà e benefici

Barbabietola rossa (o rapa rossa)La barbabietola rossa è un ortaggio dalle proprietà nutrizionali molto interessanti ed è un’ottima fonte energetica tanto da essere da molti considerata “doping naturale?; degli studi hanno rivelato infatti che è in grado di aumentare la resistenza fisica negli sportivi fino al 16%, questo grazie alla presenza dei nitrati.
Dei ricercatori della University of Exetere, nel Regno Unito, hanno selezionato 9 ciclisti di professione a cui hanno somministrato 500 ml di succo di barbabietola integro e gli hanno fatto fare dei test su un percorso di 4,5 chilometri e su 18 chilometri registrandone il tempo. In un secondo momento hanno ripetuto il test somministrando prima la stessa quantità di succo di barbabietola privo dei nitrati. Il risultato è stato quello di ottenere sul primo test (dopo l’assunzione del succo di barbabietola integro) un tempo inferiore di 11 secondi sul percorso dei 4,5 chilometri ed inferiore di 45 secondi su quello di 18 chilometri.

Informazioni nutrizionali della barbabietola rossa

100 grammi di barbabietola rossa contengono mediamente:

  • acqua 90 grammi
  • carboidrati 4 grammi
  • fibre 2.6 grammi
  • proteine 1.1 grammi
  • sali minerali: potassio 300 mg, sodio 80 mg, magnesio 23 mg, fosforo 21 mg, calcio 20 mg, ferro 0,4 mg
  • vitamine: Vitamina C 7 mg, Vitamina PP (B3 o Niacina) 0,2 mg, Vitamina B1 (Tiamina) 0,03 mg , Vitamina B2 (Riboflavina) 0,02 mg
  • solamente 19 Kcalorie

Barbabietola rossa: effetti benefici sull’organismo

  • è stato dimostrato che l’ aumentano di ossido nitrico nel sangue dovuto all’ assunzione del succo di barbabietola, per mezzo dei nitrati, ha un effetto protettivo dell’apparato cardiocircolatorio e tende ad abbassare la pressione arteriosa già nelle 24 ore successive, inoltre, più il problema di ipertensione è ingente e più è marcato l’effetto benefico di questo alimento. Contro l'ipertensione svolge un importante ruolo anche l'ottimo contenuto di potassio;
  • è particolarmente indicata nei soggetti anemici per il buon contenuto di ferro;
  • è un valido aiuto per la digestione in quanto stimola la produzione dei succhi gastrici;
  • apporta molti minerali, quindi, essendo anche un ortaggio molto digeribile, è indicata come ricostituente durante una malattia;
  • rinforza anche il sistema immunitario ed è utile nella prevenzione di tumori;
  • la betanina è la sostanza colorante della barbabietola rossa, è un ottimo antiossidante, con un’azione antiradicalica ed ha un effetto depurativo in quanto ha la capacità di assorbire le tossine e di favorirne l’espulsione. Questa sua caratteristica è da molti oggetto di preoccupazione in quanto vedono le feci o l'urina colorata di rosso, ma è del tutto normale, anzi è tutta salute! Essa migliora anche l’attività renale e facilita l’eliminazione dei grassi, quindi si rivela ottima per contrastare il sovrappeso. La betanina è anche in grado di prevenire l’ictus, la malattia coronarica e di conseguenza l’infarto. 
  • è una ricchissima fonte di antociani, pigmenti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi che, assieme alla betanina e alla vitamina C, favoriscono la microcircolazione e svolgono un'azione protettiva nei confronti dei vasi sanguigni. Gli antociani abbondano in tutta la frutta e la verdura di colore rosso.
       Potrebbe interessare: "i benefici dei colori di frutta e verdura"

 

Controindicazioni della barbabietola rossa

Le barbabietole rosse sono controindicate nei soggetti diabetici, poiché sono tra i pochi ortaggi ad avere un alto indice glicemico, provocando quindi un’elevata risposta insulinica. Sono sconsigliate anche a che soffre di calcoli renali, a causa dell’elevato quantitativo di minerali e soprattutto di ossalati che facilitano i depositi e la formazione di calcoli, e, infine, a chi soffre di problemi gastrici, data la caratteristica delle barbabietole di stimolare la produzione dei succhi gastrici.