Arancia: proprietà e benefici

arancia, orange, arancia proprietà, arancia beneficiL’arancia è il frutto del citrus arantium, o arancio, una pianta arborea appartenente al genere Citrus della famiglia delle Rutaceae, originaria dalla Cina e dal Giappone e largamente coltivata in Grecia, Spagna e Sud Italia.

La scorza dell’arancia, detta pericarpo, ha una superficie ruvida e uno spessore variabile a seconda della varietà e, a maturazione avvenuta, una colorazione che va dal giallo, all’arancione, fino al rosso.

L’endocarpo, o polpa, che è la parte commestibile, è costituito da spicchi succosi contenenti pochi semi.

Esistono molte varietà di arance, che a loro volta sono suddivise in due categorie: le bionde a le rosse. Tra le arance bionde vi sono: la naveline, la ovale e la valencia; tra le arance rosse ricordiamo: la tarocco, la sanguinella, la moro e la rossa di Sicilia.

Esiste poi una varietà di arancia dal gusto amaro, denominata appunto arancia amara, che viene utilizzata sia nell’industria alimentare per preparare marmellate e frutta candita, sia nell’industria farmaceutica per preparare digestivi, tonici e oli essenziali.

Dall’incrocio dell’arancio con il mandarino si ottiene il mandarancio.

Valori nutrizionali dell’arancia riferiti a 100 grammi di frutto intero

I seguenti valori sono indicativi e possono cambiare a seconda della varietà.

Parte edibile: 80 grammi;

valore energetico: 40 calorie;

acqua: 80-90 grammi;

zuccheri: 9 grammi;

fibre: 1,6 grammi;

proteine: 0,7 grammi;

grassi: 0,2 grammi;

vitamina C: 50 mg;

altre vitamine: A, B1 e B2;

minerali principali: potassio, fosforo, magnesio, calcio, zinco e ferro.

Arancia: proprietà e benefici

Le proprietà benefiche dell’arancia sono attribuite principalmente all’abbondante contenuto di vitamina C e ad altre sostanze fitochimiche.

Mangiando 2 o 3 arance al girono o bevendo il succo d’arancia si soddisfa il fabbisogno di vitamina C; in caso si preferisca bere la classica spremuta è opportuno consumarla immediatamente dopo averla preparata, poiché la vitamina C si deteriora facilmente in presenza della luce e dell’ossigeno.

La vitamina C rafforza il sistema immunitario e, assieme ad altre sostanze antiossidanti tra cui i polifenoli, esercita un’azione antinvecchiamento e antitumorale.

Un altro importante ruolo della vitamina C e anche dell’acido citrico, presente in buone quantità nell’arancia, è quello di favorire l’assorbimento del ferro, dimostrandosi utile quindi in caso di anemia.

L’azione sinergica tra la vitamina C ed i polifenoli previene la fragilità capillare e sostiene la circolazione sanguigna, utile in caso di vene varicose e per prevenire e curare la cellulite.

L’arancia rossa è ricca di antocianine, sostanze antiossidanti dall’azione antinfiammatoria, antiossidante e antitumorale.

Il consumo abituale di arance, grazie alla presenza di queste sostanze, previene malattie degenerative come il cancro, quelle cardiovascolari ed il diabete.

Le arance sono consigliate in caso di inappetenza e, per la presenza di molte sostanza in grado di stimolare la produzione di succhi gastrici, anche in caso di difficoltà digestive.

L’arancia contiene anche una buona quantità di fibra solubile, la pectina, presente soprattutto nell’albedo, che è la scorza bianca che si trova sotto la buccia.

La pectina contribuisce alla regolazione dell’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine, oltre a favorire il regolare transito intestinale; è bene quindi non essere troppo meticolosi nel ripulire troppo l’arancia dall’albedo prima di mangiarla.

In commercio si trovano tutte le varietà principali di arance a partire dall’inizio del’autunno fino a primavera inoltrata; mangiarne una o due al giorno è un vero toccasana e un buon metodo di prevenzione nei confronti dell’influenza e delle malattie da raffreddamento. L’arancia di solito è un frutto molto gradito anche ai bambini, soprattutto sotto forma di spremuta; preparare la spremuta è molto semplice, in commercio vi sono spremiagrumi semplici, ma si possono trovare anche quelli elettrici, sempre più diffusi, comodi da utilizzare e facili da pulire.