Ansia e attacchi di panico

Cosa sono e quali sono i sintomi:

L’ansia e l’attacco di panico sono entrambi disturbi della psiche.

L’ansia si manifesta nell’angoscia, nella paura nel rapporto con le persone, nelle fobie o negli attacchi di panico.
Ogni forma di ansia è legata ad una storia del tutto personale e deriva spesso da un accumulo di stress. Essa è in realtà una forma di difesa e protezione del nostro organismo in risposta a delle situazioni di pericolo. Questi campanelli d’allarme sono attivati dal sistema nervoso centrale che, di fronte ad una minaccia, risponde con reazioni difensive; queste reazioni dipendono da persona a persona, a seconda della valutazione soggettiva di poter superare o meno un ostacolo.

Gli attacchi di panico derivano da un’eccessiva stimolazione del sistema nervoso centrale di una persona ansiosa che, erroneamente, in una particolare situazione, avverte un pericolo o una paura di non farcela. In questo caso la paura genera altra paura e l’organismo reagisce con una serie di sintomi psichici e fisici. L’individuo colpito da attacco di panico presenta di solito dei sintomi piuttosto violenti: tremori, tachicardia, palpitazioni, difficoltà respiratoria, sensazione di soffocamento, sudorazione, disturbi intestinali con senso continuo di dover andare in bagno, confusione mentale, stordimento, torpore o formicolio, dolori al petto, nodo alla gola e vertigini. L’attacco di panico avviene senza preavviso e di solito ha una durata di 2-10 minuti.

Anche le persone con delle fobie possono andare incontro ad attacchi di panico se vengono esposte all’oggetto delle loro paure.

Rimedi contro l'ansia e gli attacchi di panico

Per affrontare l’ansia e gli attacchi di panico esiste la psicoterapia e la terapia farmacologica; molto spesso si fa ricorso ad entrambe. I principali farmaci si distinguono in: ansiolitici, antidepressivi e betabloccanti.
Innanzitutto sarà il medico a diagnosticare l’origine dell’ansia e stabilire la terapia opportuna da intraprendere.
Per una persona che soffre di problemi d'ansia è molto d’aiuto il confronto con altre persone, con la famiglia e con gli amici, di conseguenza anche gli interlocutori devono avere la capacità di sostenere ed incoraggiare il soggetto con tali disturbi.
Anche modificando le proprie abitudini può essere molto d’aiuto, cominciando dall’alimentazione e dall’attività fisica. Iniziamo con un’ottima colazione, essa dovrebbe diventare il pasto principale, cercando di assumere un giusto quantitativo di carboidrati, proteine, fibre, vitamine e bere almeno due bicchieri d’acqua. Rispettiamo i pasti principali e concediamoci degli spuntini a base di frutta, l’importante è mangiare moderatamente, ma di frequente. Ricordiamoci che una sana alimentazione è alla base del nostro benessere fisico e psichico.
Un amminoacido essenziale utile a combattere l’ansia è il triptofano; esso è il precursore della serotonina, un neurotrasmettitore sintetizzato per lo più dal sistema nervoso centrale avente un effetto positivo sull’umore.

Alimenti che contengono il triptofano:

il triptofano lo troviamo soprattutto nella carne, nel pesce, nel latte e nei suoi derivati (yogurt e formaggi). Altri cibi che lo contengono sono: cacao e cioccolato, cereali integrali, fagioli, lenticchie, ceci, soia, noci, nocciole, arachidi, banane e mango.
Anche l’esercizio fisico è di grande aiuto; grazie al lavoro dei nostri muscoli è prodotta l’endorfina, un neurotrasmettitore responsabile della sensazione di benessere.