Afta e stomatite aftosa

Afta: i più colpiti sono i bambini: cause, sintomi, rimedi naturali e prevenzione

Cos’è l’afta e come si manifesta

L’afta è un’ulcera dolorosa, ma non contagiosa della cavità orale, causata dalla lesione della mucosa; essa si può presentare all’interno della guancia, sulla gengiva, all’interno del labbro oppure sulla lingua. Tale lesione normalmente è di 2 o 3 millimetri, ma può raggiungere un diametro di oltre un centimetro.. Nel caso di afte ricorrenti o multiple si parlerà di stomatite aftosa. Questo disturbo è molto comune  ed è più frequente nei bambini e nei giovani fino all’età dei 20 anni; le donne sono più soggette all’insorgenza dell’afta.

Sintomi dell’afta

Le afte hanno origine con un formicolio o prurito in un punto preciso della mucosa orale, dopo uno o due giorni si noterà un arrossamento con il possibile sviluppo di una vescica che, rompendosi, darà origine all’ulcera aftosa. Essa si presenta di forma rotondeggiante e di colore bianco che tenderà a scurirsi man mano che avanza il processo di guarigione. Questa lesione sarà molto dolorosa per tutto il suo decorso, soprattutto se toccata o strofinata . La durata di tale processo normalmente è di una settimana, ma può arrivare a 30 giorni. 

Una curiosità: se il vostro bambino beve troppo e di frequente, è possibile che ci sia la presenza di un'afta; spesso, infatti, siccome fino all'età di quattro anni non sono in grado di indicare un loro disturbo, cercano un sollievo nelle bevande fredde. Vogliamo sottolineare ciò, in quanto molti genitori, preoccupati da questo improvviso comportamento del loro piccolo, cercano risposte in internet trovando spesso una relazione tra la sete e la malattia del diabete mellito, entrando ancora di più in uno stato di preoccupazione.

Cause dell’afta

Non sono ancora ben chiare le cause precise che portano all’insorgenza delle afte; tuttavia ci sono dei fattori fisici, psichici ed alimentari alla base della comparsa di queste ulcere.

Fattori fisici: un abbassamento delle difese immunitarie a causa dell’influenza, febbre o raffreddore, eccessivo sforzo fisico, in seguito a terapie antibiotiche, ferite all’interno del cavo orale, oppure sbalzi ormonali dovuti alle mestruazioni.

Fattori psichici: ansia, depressione e stress.

Fattori alimentari: carenze nutrizionali di alcuni minerali come ferro e zinco, oppure di alcune vitamine come la B12 (presente nella carne e nel pesce e in particolar modo nel fegato) e l’acido folico o vitamina B9 (molto presente negli ortaggi a foglia verde e nei legumi). Anche l’eccesso di alcuni alimenti può favorire la formazione dell’afta, per esempio: alcolici, cibi piccanti, spezie, dolci, cioccolato, formaggio, frutta secca e grassi animali; oppure l’assunzione di cibi o bevande troppo bollenti, ma anche il fumo di sigaretta.

Rimedi, cura e prevenzione dell’afta

Normalmente le afte guariscono spontaneamente e, non conoscendone la causa scatenante, non ci sono cure specifiche; ci sono tuttavia dei rimedi atti ad alleviare il dolore ed a facilitarne la cicatrizzazione.

Esistono cure farmacologiche il cui il compito di individuare quella più adatta in seguito alla visita spetterà al proprio medico curante; sussistono poi dei rimedi naturali, ma è comunque necessario, prima di tutto, curare molto bene l’igiene orale.

Rimedi naturali contro l’afta

Innanzitutto cercare di consumare cibi ricchi di vitamina B12,   acido folico (o vitamina B9)  , ferro e zinco; eventualmente chiedere il parere del medico curante se fosse necessario ricorrere a degli integratori soprattutto del complesso della vitamina B;

cercare di ridurre i fattori di stress psico-fisico, quindi riposarsi, moderare l’attività fisica e rilassarsi;

un buon rimedio consiste nell’applicare sulle ulcere una bustina bagnata di tè; è l’acido tannico a favorirne il processo di guarigione;

l’ Aloe Vera  ha proprietà lenitive, antisettiche, rinfrescanti e cicatrizzanti, questa va applicata sottoforma di gel direttamente sull’ulcera, che andrà a formare una pellicola protettiva. Molti prodotti medicinali per la cura dell’afta sono proprio a base di Aloe Vera (per approfondimenti: "Aloe Vera e gel Aloe: proprietà e utilizzi"); 

anche l’ olio essenziale Tea tree oil  applicato direttamente sull’ulcera, oppure i risciacqui con l’echinacea sono degli ottimi rimedi naturali. (per approfondimenti: "Tea tree oil: modalità di utilizzo contro l'afta, stomatiti...")

Alimenti da evitare in caso di afta

In presenza di ulcere aftose evitare di consumare i seguenti cibi: dolci e cioccolato, alcolici, caffè, spezie, grassi animali, formaggi, cibi e bevande bollenti. Evitare inoltre il fumo di sigaretta e gli alimenti che possono aumentare il bruciore dell’afta come l’aceto e gli agrumi.